Eruzione del vulcano sottomarino “Hunga Tonga-Hunga Ha’apa”

Straordinaria e interessante osservazione grazie alla stazione Meteorologica alla riserva Karen Mogensen, Costa Rica.

Eruzione del vulcano sottomarino “Hunga Tonga-Hunga Ha’apa”

La stazione meteo che si trova alla Stazione Biologica e Meteoclimatica “Italia Costa Rica” ha infatti registrato, alle ore 7:45 locali (13:45 UTC) del 15 gennaio 2022, una anomala variazione di pressione atmosferica dovuta alla propagazione dell’onda d’urto dell’esplosione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Ha’apa, a 65 km dalla Capitale delle isole Tonga.

L’eruzione è avvenuta alle 4:10 UTC, corrispondenti alle 22:10 del 14 gennaio 2022 in Costa Rica. L’onda di pressione che si è generata ha quindi impiegato 9:45 ore a raggiungere la Costa Rica. La distanza dalle Tonga di Costa Rica è di circa 11000 km. La velocità di propagazione di stima quindi in 313 m/s, pari a 1128 km/h.

L’onda di pressione ha fatto letteralmente il giro del mondo, come ha rilevato l’Osservatorio Geofisico dell’Università di Modena e Reggio Emilia, a Modena si è registrata una prima onda di pressione atmosferica di provenienza da nord alle 21 italiane (20 UTC), quindi una seconda alle 22:00 (21:00 UTC) di provenienza est e una terza alle 22:30 (21:30 UTC), questa presumibilmente da direzione ovest, quindi la medesima osservata in Costa Rica.

Da Costa Rica l’onda di pressione ha impiegato circa 8 ore a raggiungere l’Italia, viaggiando più veloce di un aereo di linea che impiega 10-11 ore nella tratta da Costa Rica all’Europa!

I dati qui indicati sono provvisori e da controllare e validare, quello che ora preme sottolineare è l’importanza di disporre di un punto di osservazione meteo che può così fornire dati molto interessanti non solo per le ricerche in campo biologico e naturalistico della Stazione Biologica e Meteoclimatica Italia Costa Rica, ma anche per osservare fenomeni naturali di questo tipo.

Giova ricordare che terremoti, eruzioni vulcani e tsunami non solo hanno modellato la geologia del pianeta, ma influenzano anche l’atmosfera e naturalmente la biodiversità. Sul pianeta Terra infatti tutto è connesso, ed è impressionante come un fenomeno lontano abbia avuto ripercussioni, anche se non dirette e per fortuna senza danni, osservabili a così grande distanza dalle Isole Tonga anche qui alla Stazione della Riserva Karen Mogensen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.