Field School Costa Rica 2023

Soggiorno di studio e ricerca in Costa Rica per 12 studenti e studentesse Unimore

Sono partiti 12 studenti e studentesse Unimore per una esperienza unica in Costa Rica dove parteciperanno alla “Field School – Costa Rica 2023”. La Scuola, che giunge alla sua seconda edizione dopo due anni di sospensione dell’attività causata dall’emergenza pandemica, vede coinvolti il doppio degli studenti partiti nel 2020.

In particolare i/le partecipanti coinvolti/e appartengono ai corsi di Laurea Triennale in Scienze Naturali (9 studenti) e Magistrale in Didattica e Comunicazione delle Scienze (1 studente) del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche ed ai Corsi di Laurea Triennale in Scienze Biologiche (1 studentessa) e Magistrale in Biologia Sperimentale e Applicata (1 studente) del Dipartimento di Scienze della Vita.

Gli studenti, partiti lunedì 16 gennaio, rimarranno per oltre tre settimane in Costa Rica dove potranno scoprire alcune delle variegatissime realtà naturali costaricensi guidati dagli studiosi Unimore Luca Lombroso, Matteo Dal Zotto, Giuseppe Romeo, Dario Sonetti e membri dell’associazione modenese “Foreste per Sempre ODV”.

La Field School consisterà in lezioni interattive su metodi di indagine in vari settori delle scienze naturali, con particolare focus sulla fauna e flora, meteorologia tropicale e cambiamenti climatici, ed applicazioni su campo.

L’iniziativa si svolgerà principalmente nella Riserva Karen Mogensen, un’area protetta di circa 1000 ettari, gestita dalla locale associazione conservazionistica Asepaleco, in cui sono state recentemente condotte e sono tuttora in fase di svolgimento diverse indagini, principalmente nei settori zoologico, botanico e meteorologico.

Questi studi sono stati favoriti dalla creazione della Stazione di ricerca “Italia Costa Rica”, realizzata anche grazie a fondi raccolti da Foreste per Sempre tra Imprese modenesi e patrocinata da Unimore col preciso scopo di studiare la biodiversità tropicale e gli effetti che i cambiamenti ambientali e climatici possono generare su di essa. Da oltre 6 anni una stazione meteorologica e una webcam inviano dati all’Osservatorio Geofisico di Unimore, fornendo indicazioni sulla variabilità meteoclimatica dell’area.

“La Stazione biologica meteoclimatica “Italia Costa Rica” nella Riserva Karen Mogensen – riportano il prof. Dario Sonetti, dal 2019 Direttore scientifico di questa struttura, e il dott. Matteo Dal Zotto, promotore all’interno del Corso di Laurea in Scienze Naturali e co-organizzatore della Field School – sarà una sede privilegiata per l’attuazione di quest’iniziativa per studenti Unimore, che avranno l’opportunità unica di vivere totalmente a contatto con una delle più ricche realtà di biodiversità tropicale quanto di solito sono obbligati ad apprendere solo sui libri. Si tratta di un’esperienza formativa che, per chi studia Scienze Naturali, dovrebbe essere imprescindibile. Come già avvenuto per altri studenti che hanno lavorato in quest’area per le loro tesi di laurea, torneranno in Italia con un background conoscitivo e professionale che contribuirà senz’altro in modo proficuo al loro futuro lavorativo e di vita.”

“La Field School – commenta poi Luca Lombroso dell’Osservatorio Geofisico del DIEF Unimore – sarà   un’occasione per mostrare agli studenti, grazie ai cinque anni di dati fin qui raccolti, i fondamenti della meteorologia e climatologia tropicale. Secondo le ultime ricerche, la “cella di Hadley” che regola la circolazione ai tropici, ma è connessa anche al tempo alle medie latitudini, si è allargata di circa 2-4 gradi di latitudine. Se questa tendenza continua, potrebbe avere un importante impatto sociale, ma anche cambiamenti ecologici in piante, insetti o animali.”

Nel corso della Field School gli studenti potranno inoltre visitare altre aree protette di Costa Rica: dalla Riserva Naturale Assoluta di Cabo Blanco, lembo incontaminato di litorale e foresta sull’Oceano Pacifico, al Parco Nazionale Palo Verde, con aree umide e la foce di uno dei principali fiumi del paese, al Parco Nazionale Volcán Tenorio e al Parco Nazionale Miravalles, caratterizzati dalla suggestiva foresta nebbiosa, che raggiunge quasi i 2000 metri di altitudine e in cui vivono, tra gli altri, giaguaro e tapiro di Baird, fino al Parco Nazionale Cahuita, situato lungo la costa caraibica e nato per proteggere la principale barriera corallina del Paese.

I partecipanti avranno modo di conoscere il personale locale dei parchi e delle aree protette, scoprendo ulteriori attività di ricerca condotte in habitat rappresentativi di una piccola parte della ricchezza naturale di quello che viene ritenuto il paese con la più elevata densità di biodiversità a livello mondiale.

“Siamo molto orgogliosi – afferma la prof.ssa Annalisa Ferretti, Presidente del Consiglio di Interclasse in Scienze Naturali e in Didattica e Comunicazione delle Scienze – che gli studenti abbiano accettato nuovamente ed in modo così entusiastico la nostra sfida di operare direttamente sul terreno, anche all’interno di un’area protetta che ha già fornito preziose informazioni alla comunità scientifica. La Field School, frutto della collaborazione tra corsi di Laurea del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche e del Dipartimento di Scienze della Vita, in sinergia con l’associazione Foreste per Sempre, metterà i nostri studenti a stretto contatto con la biodiversità tropicale, le dinamiche del sistema climatico attuale e gli effetti del suo cambiamento. I partecipanti terranno una sorta di “diario di bordo” delle loro attività alla pagina Facebook/Instagram S4EDU del Corso di Laurea. Alcuni di loro tradurranno questa esperienza in progetti di Tesi, a testimoniare la stretta sinergia esistente tra Didattica e Ricerca all’interno di Unimore”.

“Si tratta di un’opportunità di straordinario interesse per i nostri studenti, una realtà che nasce dall’iniziativa e dall’esperienza dell’Ateneo – afferma la prof.ssa Annamaria Mercuri Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Biologia Sperimentale e Applicata – e che conferma la grande sensibilità e competenza in tema di biodiversità floristica e animale dei docenti. In questi tempi di trasformazioni rapide degli ecosistemi e necessità di mitigare l’impatto antropico sull’ambiente, la Field School, che nasce dalla cooperazione tra i dipartimenti che affrontano queste tematiche nei loro corsi di studio, Scienze Chimiche e Geologiche e Scienze della Vita, porta gli studenti a incontrare un esempio eccezionale di diversità di specie, le relazioni in un ambiente tropicale e la stretta relazione tra le dinamiche ecosistemiche e la risposta al cambiamento climatico in atto”.  

 “La Field School Costa Rica rappresenterà una straordinaria opportunità per gli studenti di Scienze Biologiche – afferma il prof. Vincenzo Zappavigna Presidente del Corso di laurea in Scienze Biologiche – per fare esperienza in prima persona, sul campo, nei settori della biologia ambientale e della conservazione della biodiversità. Un’ opportunità di crescita non solo professionale, ma anche personale. Infatti, secondo le testimonianze di chi vi ha partecipato negli anni passati, si tratta di un’esperienza unica che lascerà un’impronta duratura sulle loro vite personali e professionali, qualsiasi sia l’ambito della biologia nel quale gli studenti andranno ad operare nella loro futura carriera”.

 La Field School in Costa Rica verrà riconosciuta nell’ambito del tirocinio universitario, in base a una convenzione attiva tra l’associazione Foreste per Sempre e Unimore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.